Trophée du Maître d’Hôtel

Trophée du Maître d’Hôtel 2021: si parte!

Dopo il successo delle due precedenti edizioni, ritorna il concorso Trophée du Maître d’Hôtel organizzato in Francia dall’associazione Service à la Française. La competizione, lanciata nel 2015 con l’obiettivo di valorizzare e rappresentare l’Art du service et de la table, diventa internazionale.

Le iscrizioni sono aperte (fino al 1° giugno 2020), le semifinali si terranno in settembre a New York, il 5 ottobre a Parigi e in novembre a Bruxelles. L’appuntamento finale, per scoprire il vincitore, è fissato per il 23 gennaio 2021 a Lione. Qui arriveranno 6 finalisti, 4 francesi, più il vincitore della selezione americana e il vincitore della selezione europea.

Breve storia del concorso Trophée du Maître d’Hôtel 

All’inizio, erano “solo” cinque maître appassionati, famosi e impegnati: Denis Férault, Denis Courtiade, Hervé Parmentier, Stéphane Trapier et Patrick Chauvin. Il loro obiettivo era quello di riportare in luce le figure professionali del servizio sala.

A un certo punto, nel 2015, i cinque decidono di organizzare un concorso che, subito, riscuote uno straordinario successo e il sostegno dei professionisti dell’hôtellerie e della ristorazione. In due edizioni sono stati 200 i candidati che che si sono giocati l’opportunità di vincere il Trofeo, 12 i finalisti, 30 i giurati, 25mila gli spettatori che hanno visto le finali.

Per ereditare la corona dei vincitori 2017 e 2019, rispettivamente Elsa Jeanvoine et Benoit Brochard, maître d’Hôtel, chef de rang e sommelier (con un’età superiore ai 25 anni) dovranno portare alti i valori del rispetto, dell’eleganza e della generosità, che contraddistinguono il Servizio alla Francese.

Ma non solo, dovranno anche dimostrare la loro maestria, la loro curiosità, il loro rigore e, da una parte, la loro capacità di adattamento, dall’altra, la loro capacità di innovazione.

2021: il trofeo diventa internazionale

Il Servizio alla Francese, questo saper fare unico, viene esportato ed è invidiato dal mondo intero” questa la premessa degli Organizzatori per spiegare come mai, da quest’anno, il Trophée du Maître d’Hôtel non sarà più solo francese, ma internazionale.

Introdotte, infatti, una selezione americana (a New York) e una selezione europea (a Bruxelles): anche dall’Italia quindi potremo partecipare. Per le candidature, basta andare sul sito ufficiale della competizione entro il 1° giugno, questo è il link.

Oltre al Curriculum Vitae e a una lettera di presentazione, è necessario anche produrre un video.

Padrino della terza edizione: Serge Schaal

Il padrino di questa terza edizione sarà Serge Schaal, patron e Restaurant Manager del due stelle Michelin La Fourchette des Ducs, a Obernai. Questo alsaziano dal “percorso atipico”, specializzato in geofisica, apre il suo primo ristorante nel 1999. Si forma direttamente sul campo e diventa rapidamente una figura di riferimento importante nel settore.

Durante la sua carriera, è stato più volte insignito di titoli e premi, come Miglior Restaurant Manager 2011 (Guida Champérard) e Restaurant Manager dell’anno 2019 (Guida Gault & Millau).

Ora, con la sua partecipazione al Trophée du Maître d’Hôtel 2021 vuole rendere omaggio alle professionalità del servizio di sala, come François Pippala, Philippe Bourguignon e Jean-François Mesplède hanno fatto prima di lui.

Sono fiero di essere padrino di questa terza edizione – ha commentato Schaal – nel mio ristorante io riservo una grande importanza al servizio di sala, al pari della cucina! Questo concorso è una bellissima vetrina per il nostro mestiere.”

Lancement de la 3e édition – TMH

[ LANCEMENT 3e ÉDITION ] Cette partie s’annonce encore plus passionnante 🃏😉 Tenez-vous prêts à abattre vos meilleures cartes pour gagner… Comme promis la semaine dernière, nous vous dévoilons aujourd’hui la vidéo de lancement de la 3e saison de notre Trophée, diffusée en conférence de presse ce lundi 🎥À partager sans modération ‼️ Bon visionnage ✨

Posted by Trophée du Maître d'Hôtel on Tuesday, 14 January 2020

Chi sono i giurati del concorso?

Philippe Rispal, Responsabile Ristorazione Institut Paul Bocuse (Lione)

Antoine Petrus, MOF Direttore Generale Taillevent (Parigi)

Claire Sonnet, Restaurant Manager Le Louis XV*** nell’Hôtel de Paris (Monaco)

Olivier Bilkao, Restaurant Manager Le 39 V* (Parigi)

Thierry Villotte, Presidente della Confédération des Arts de la Table e AD Francéclat

Paola Wintenberger, Pôle Formation Malongo

Sébastien Bove, Responsabile Pôle Formation Malongo

Benoite Lauvernier, Responsabile del progetto Associazione Service à la Française