Emergente Sala 2018 finale

L’EMERGENTE SALA 2018 E’ ENRICO GUARNIERI!

Enrico Guarnieri è il Miglior Cameriere Emergente d’Italia Under30 dell’anno.A FUED ACHAAB PREMIO SPECIALE KIMBO

Finalisti di Emergente Sala

Si è tenuta a Roma durante il Festival della Gastronomia l’attesissima finale di Emergente Sala 2018, il contest organizzato e promosso da Lorenza Vitali e Luigi Cremona. Bellissima e piena di emozioni questa finalissima. Nell‘evento che punta i riflettori sul servizio di sala a 360°, i protagonisti sono i giovani camerieri, futuro della ristorazione, ma tutti i partner sono coinvolti e valorizzati.

Parlare di sala, infatti, consente di raccontare la professionalità, ma anche tutto ciò che ruota intorno e che contribuisce a rendere l’esperienza dell’ospite un momento piacevole ed emozionante. Per questo siamo onorati di seguire questo talent che incontra pienamente le finalità del nostro blog e del nostro progetto per un “Manifesto italiano sul Servizio di Sala“.

I FINALISTI DI EMERGENTE SALA

Cinque i finalisti, scelti durante le due fasi di selezione: per il Nord durante il Merano Wine Festival e per il Centro Sud durante LSDM di Paestum.  Cinque ragazzi pieni di entusiasmo e passione per la sala che sicuramente faranno strada nel mondo della ristorazione.

Ecco i loro nomi: Enrico Guarnieri chef de rang del ristorante Da Vittorio a Brusaporto (BG), Alberto Tommasi food & beverage specialist di Gastameco Srl a Torino, Francesca Mazzotta chef de rang del ristorante Livello 1 di Roma, Bonny Ferrara restaurant manager de Il Faro di Capodorso a Maiori (SA) e Fued Achaab maitre e sommelier del ristorante Manetta a Roseto degli Abuzzi (TE).

LA GIURIA TECNICA

Emergente Sala 2018 finaleI “fantastici 5” si sono sfidati in una doppia prova, teorica e pratica, durante la quale hanno servito a tavola i giurati-clienti scelti tra giornalisti e massimi esperti del settore ristorazione e accoglienza. Presidente di giuria Umberto Giraudo: Maître dell’anno della Guida l’Espresso nel 2001, Cavaliere dell’Ordine di Malta della Repubblica Italiana nel 2005, Miglior maître nel 2008 per il premio Veronelli e, nel 2012, insignito del Grand Prix de l’Art de la Salle, che è come dire  miglior maître del mondo. Il servizio è stato coordinato, invece, da Andrea La Caita, General Manager di Acquolina at The First Luxury Art Hotel Roma.

LA PROVA TEORICA

Finale di Emergente Sala Prova TeoricaOgni finalista ha dovuto presentarsi al pubblico e poi rispondere alle domande degli sponsor abbinati. Ha cominciato Francesca Mazzotta con Welcome e Pastificio dei Campi. Poi è stato il turno di Alberto Tommasi con Ferrarelle e Toscobosco. Poi, ancora, Bonny Ferrara con Mesa e Kimbo. Fued Akaab con Parmigiano Reggiano e Olitalia. Infine Enrico Guarnieri con Intrecci,  Scuola di Alta Formazione di Sala e Famiglia Cecchi. Interessante l’incursione di Matteo Rizzato, socio fondatore di Ambasciatori di Sala e esperto di neuroscienze, che ha aggiunto un nuovo parametro di valutazione, il comportamento da un punto di vista più scientifico.

Va detto a questo proposito che il contest è sempre fonte di scoperta e approfondimento per chi partecipa o assiste, questo grazie agli organizzatori Vitali e Cremona che riescono a valorizzare sempre tutti gli attori, non solo i concorrenti ma anche i partner. Tutto si svolge sempre in un clima piacevole, gioioso e ricco di spunti sul settore della ristorazione. Insomma, si tratta di gradevoli occasioni di networking e conoscenza per tutti.

LA PROVA PRATICA

Dopo le chiacchiere, la giuria si è spostata in terrazza per l’aperitivo mentre i concorrenti preparavano l’allestimento della sala, dal montaggio dei tavoli alla mise en place. Cinque tavoli e cinque guèridon pronti per servire il menu così composto:

APERITIVO IN TERRAZZA: Degustazione di salmone norvegese e caviale Calvisius, crostini e canapè al tarufo Toscobosco

LUNCH: mozzarella di bufala campana DOP San Salvatore, Diverse stagionature di Parmigiano Reggiano, giardiniera di verdure e misticanza con olio evo e aceto Olitalia. Fusilloni Pastificio dei Campi con pil pil, salsa al prezzemolo, chips di carciofi e baccalà scaloppato al rosmarino. Tiramisù di Acquolina al Caffè Kimbo. Selezione di pane a cura di Gabriele Bonci. Selezione caffè Kimbo. Acqua Ferrarelle

I VINI: Gruppo Santa Margherita, Valdobbiadene Prosecco Superiore Rive di Refrontolo 2017, Vermentino di Opale 2017 Mesa, Famiglia Cotarella Metodo Classico Rosè Pinot Nero, Litorale Vermentino 2017, Maremma Toscana DOC Tenuta Val delle Rose Magnum, Primocolle Chianti Classico DOCG 2015 Tenuta Villa Cerna Magnum.

Emergente Sala Finale Roma (mise en place)

GUARDA TUTTA LA PHOTOGALLERY SU FACEBOOK!

LA PREMIAZIONE DI ENRICO GUARNIERI

Emergente Sala Finale Roma (Enrico Guarnieri)Alla fine, il Miglior Cameriere Emergente Under 30 d’Italia è stato eletto Enrico Guarnieri che ha 27 anni e lavora come chef de rang nel ristorante Da Vittorio*** a Brusaporto della Famiglia Cerea. Enrico ha iniziato la sua carriera giovanissimo, a 14 anni, ma si è poi allontanato dalla sala per diplomarsi perito meccanico e intraprendere gli studi universitari nella facoltà di Ingegneria Gestionale. A un certo punto, però, ha sentito il bisogno di seguire la sua vera passione su tutto ciò che riguarda l’accoglienza e la ristorazione.

Parte per l’Australia determinato a migliorarsi e a formarsi nel migliore dei modi e torna in Italia un anno dopo. A Bergamo, sua città di origine, diventa direttore di sala in un ristorante giapponese e intanto consegue i tre livelli della formazione sommelier AIS. Poi arriva un colloquio con Rossella Cerea ed entra a far parte della brigata del Da Vittorio, prima come commis e poi come chef de rang.

Il Premio Speciale Comunicazione Kimbo è stato assegnato, invece, a Fued Achaab che, tra le altre cose, si è distinto per la professionalità nel servizio del caffè con la curcuma.